Seleziona una pagina



Nell’articolo di oggi voglio parlarvi di com’è importante la scuola per bambini, considerato il fatto che è proprio in questo luogo che nascono le prime amicizie. Quando si parla di plesso scolastico ci si riferisce a una struttura idonea per bambini di ogni età: per questo motivo vengono distinte due diverse tipologie di scuole, quella materna e quella primaria. Nella maggior parte dei casi, ogni edificio consente a genitori e pargoletti di poter visitare e conoscere ogni singolo dettaglio relativo all’istruzione prima di iscriversi, in modo da potersi fare un’idea generale su dove verrà collocato il proprio piccolo. Ogni open day proposte dalle scuole mette in evidenza il piano di studio e le varie attività ludiche che i bambini dovranno seguire durante l’anno, ma non solo: si avrà la possibilità di conoscere l’ambiente e capire se possa essere idoneo alle nostre esigenze oppure no.

Quando si specifica la scuola per bambini, si pensa quasi subito all’educazione: che sia materna o primaria non importa, poiché ogni insegnante presente nel plesso sarà in grado di istruire ed educare il vostro bambino in base alla sua età. Le attività proposte nei primi tre anni di scuola materna, ovvero dai 3 ai 5 anni, vedono al centro dell’attenzione il gioco, la fantasia e la creatività. I vostri piccoli porteranno a casa piccole creazioni realizzate con le loro manine utilizzando diverse tipologie di materiali, in modo che possano conoscere l’importanza del “fai da te” utilizzando l’intelligenza. Inoltre, avranno l’opportunità di farsi degli amici e di socializzare, considerato il fatto che è molto importante stringere una prima cerchie di amicizie durante questa tenera età. In questo periodo di vita si è alla ricerca di un confronto tra simili ed è impossibile averlo con un genitore, poiché adulto.

la scuola per bambini

L’istituto materno consentirà ai vostri bambini di formare e sviluppare la loro personalità attraverso varie attività di gioco, sotto la supervisione di personale competente e qualificato. Potranno scoprire che cosa è giusto e che cosa è sbagliato, ma soprattutto imparare che niente è dovuto ed è molto importante condividere. Un discorso diverso deve essere fatto nei confronti del plesso primario, poiché in questo caso il gioco viene abbandonato e si passa alla vera e propria istruzione. Ogni bambino avrà la possibilità di imparare a leggere, scrivere e fare di conto.

Inoltre, avrà l’opportunità di mettersi alla prova con verifiche e interrogazioni, scoprendo cose completamente nuove e sconosciute del mondo. Potrà scoprire la materia preferita e quella odiata, ammettendo di avere delle difficoltà e chiedendo aiuto. In questo frangente, ogni bambino dai 6 ai 10 anni, non si sentirà un emarginato o un estraneo al mondo: avrà sempre voglia di scoprire cose nuove e potrà confrontarsi senza problemi con i suoi compagni di classe. Esistono scuole private e statali, ma non ci sono differenze significative a riguardo: ciò che conta è la preparazione degli insegnanti.

L’istituto primario ha il compito di preparare i vostri piccoli all’ingresso delle scuole medie, dove capiranno che cosa vorranno fare da grandi. Anche in questo periodo di vita è molto importante socializzare: i bambini cercano una sorta d’indipendenza maggiore e desiderano uscire e andare a casa di qualche amico per giocare o fare i compiti. Personalmente, la scuola è sempre stata al centro delle mie attenzioni: non solo per lo studio e l’istruzione, ma anche per le forti amicizie che ho stretto in quel periodo.

Ogni struttura scolastica presenta un metodo piuttosto simile d’insegnamento, ma ne esistono alcune piuttosto particolari, come quelle montessoriane. A quanti genitori è capitato di soccorrere il proprio bambino ad ogni minima difficoltà? Ovviamente non è sbagliato aiutare i propri figli in caso di bisogno, ma ci sono circostanze in cui dovrebbero imparare a cavarsela da soli. Questo è ciò che insegnano le scuole montessoriane: ogni problema può essere superato, basta aguzzare l’insegno e consentire ai bambini di scoprire da soli la soluzione più indicata.

La socializzazione dei bambini nella scuola è fondamentale per migliorare i rapporti con gli altri, voi cosa ne pensate?


Uffolo
Iscriviti alla mia newsletter e scarica gratuitamente il mio EbooK per insegnare ai bambini le Lettere dell'Alfabeto attraverso il Gioco!

Privacy: (visualizza privacy policy)