fumettiUna delle difficoltà che un disegnatore di fumetti professionista può incontrare nel proprio cammino è quella di apparire al lettore noioso e di non riuscire sempre a coinvolgerlo attraverso i disegni cercando di tenerlo incollato alla lettura. Saper raccontare i testi di una storia interpretando e imprimendo ai disegni la giusta atmosfera, dettata dalla situazione e dall’evolversi della scena che si sta per disegnare non è semplice.

Quando si illustrano pagine a fumetti è come ritrovarsi nello stesso momento a svolgere anche il lavoro del regista, dell’attore e del produttore, ed è molto più complesso, di quanto si possa pensare, rendere al contempo ognuno di questi passaggi, in maniera efficace e credibile, con una propria timbratura stilistica. Non sempre va a soddisfare i risultati che ci si aspettano.

Regista: la necessità più importante ( ma non l’unica ) in questo caso richiede di saper interpretare la storia passando da una vignetta all’altra ( come se ci fosse una telecamera a riprendere )  con una certa fluidità e scorrimento, evitando il ripetersi di inquadrature poco convincenti, con personaggi dal punto di vista della recitazione e delle gestualità non credibili, che non trova una propria identità, sminuendo e riducendo tutto alla superficialità di disegnare una storia che verrà facilmente dimenticata in poco tempo.

Attore: se un illustratore non riesce ad immedesimarsi e non entra nell’anima del racconto e dei protagonisti difficilmente potrà dare un impronta credibile, quindi di conseguenza i personaggi sono i primi a risentirne perchè stravolti e privi del giusto peso che li contraddistingue da tutto ciò che li circonda.

Produttore: per la riuscita e il successo di una storia a fumetti indirizzata a un qualsiasi tipo di target ( bambini, ragazzi, adulti ) non può non essere coinvolto anche il disegnatore di fumetti il quale ha la responsabilità di offrire un prodotto di alta qualità e solo successivamente viene ceduto all’editore che ne diventa il proprietario che dovrà ” impacchettarlo ” per la distribuzione. La creazione negli anni 80-90 di una rete mondiale di comunicazione chiamata ” internet ” ha infranto la barriera del passaggio obbligatorio dall’editore.

Oggi anche il disegnatore di fumetti, l’illustratore, il designer, il grafico, possono pubblicare autonomamente e in prima persona a costo zero ( o a costi molto ridotti )  prodotti di propria creazione destinati al web e messi a disposizione degli utenti di tutto il mondo.

Per diventare un disegnatore di fumetti professionista occorrono anni di formazione, e non si finisce mai di imparare! Se ti posso essere utile lasciami tuoi commenti!