Natale si avvicina

Cari bambini il natale si avvicina sempre di più,

e in questo periodo ognuno di noi si prepara per l’evento nel migliore dei modi. La festa più importante dell’anno ci aiuta per un momento a mettere da parte tutti i nostri problemi, nella speranza che le cose in generale possano risollevarsi, visto il grave periodo di crisi che purtroppo il nostro paese sta attraversando.

Il natale si avvicina e i nostri bambini rappresentano la luce e la speranza che ci aiuta quotidianamente e ci da la forza di andare avanti e di continuare a lottare sopratutto per cercare di costruire loro un mondo migliore.  Il natale si avvicina ci riunisce tutti in famiglia sotto l’albero addobbato con sgargianti festoni, palline colorate, luci e decorazioni varie,  scambiandoci tenerezze, baci  abbracci, e tante golosità di ogni tipo, anche per i palati più esigenti. I bambini restano i veri protagonisti indiscussi  delle festività natalizie perchè lo vivono con grande spensieratezza ed estenuante attesa,  sognando di ricevere i tanto desiderati regali da babbo natale.

Il natale si avvicina e le tavole imbandite  si preparano ad accogliere nipotini, zii, mamma e papà, nonni, parenti vicini e lontani,

ma anche amici meno fortunati di noi e costretti a vivere per le strade,  cercando riparo ed un pasto caldo. Il mio pensiero va anche ai malati alle persone sfortunate che vivono ogni giorno nella disperazione e alla ricerca di un po di serenità che sembra non arrivare mai, ai precari, alle persone che hanno perso il lavoro,  ho che non lo trovano, vi abbraccio tutti indistintamente!!

(Se clicchi l’immagine qui sotto puoi entrare immediatamente nella sezione “disegni di natale da stampare e colorare”)

natale si avvicina

Il natale si avvicina e quando guardo i miei bambini negli occhi il mio cuore si riscalda e batte più velocemente per loro che rappresentano la mia linfa vitale e il mio spunto creativo che in questi giorni mi stimola per creare il classico costume di babbo natale. Il natale si avvicina ma purtroppo mi mancano le renne e la capacità di volare per distribuire con più facilità tutti i regali, inoltre devo ammettere che la canna fumaria del mio caminetto è troppo sporca,  stretta e piena di polvere,  quindi se decidessi di calarmi giu come un vero babbo natale dovrei tener conto innanzitutto  del mio aumento di peso che non mi giova,  della mia faccia che diventerebbe subito nera come il carbone,  e del mio sedere che si incastrerebbe tra le pareti della canna fumaria.. quindi poco conveniente.

Il natale si avvicina ed meglio accontentarsi della semplicità e fare se possibile, il babbo natale a piedi

passando da una finestra o da una porta utilizzando le chiavi in tasca o un passepourt, ma ho il sospetto che anche questa idea sia subito da bocciare e pure pericolosa,  mi scambierebbero senz’altro per un ladro che sta per portare via i regali degli altri, anzichè distribuirli.  Insomma un babbo natale che probabilmente non ha speranza, meglio se mi organizzo diversamente o cambio idea!

Il natale si avvicina e tutti lo attendiamo con impazienza, sperando che la cornice festosa venga ulteriormente decorata dalla caduta di fiocchi di neve, che non guastano mai (apparte eventuali disagi alla viabilità)  piace tanto ai bambini,  e anch’io mi diverto molto a fare pupazzi di neve e a tirare palle di neve. Il natale si avvicina e non mi resta che augurare a tutti voi tanta serenità, pace e amore.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici, e lasciami un tuo commento!

P.s. Disponibili  PDF gratuiti di album giochi, fumetti, libri illustrati per i tuoi bambini! Scarica subito>>

Pubblicato in album-giochi, animali africani, animali della savana, disegni da colorare, disegni da stampare e colorare, dolci, fumetti, gioca e impara, giochi, mammiferi africani, tavole illustrate | Contrassegnato , | Lascia un commento

Malattie di stagione

In queste ultime settimane il clima si è rinfrescato la pioggia non da tregua, e come ogni anno accade i dottori raccomandano il vaccino influenzale.

Le malattie di stagione rappresentano per tutte le mamme un classico appuntamento per le solite ma indispensabili raccomandazioni

verso i bambini, in quanto come si sa restano gli individui maggiormente soggetti a contrarre le famose malattie di stagione.  Solitamente i sintomi più frequenti sono mal di gola, tosse, raffreddore, febbre, vomito ecc..  quindi viene somministrato a seconda dei casi lo sciroppo per la gola, l’aspirina, le pomate balsamiche che attraverso l’inalazione contribuiscono a tenere libero il naso. In alternativa alle medicine, personalmente consiglio i famosi vecchi “ metodi della nonna”   validi come lo erano in passato e a voltepiù efficaci di uno sciroppo per la tosse.

malattie di stagioneQuando si presentano le malattie di stagione può essere molto utile, alleviare i primi sintomi con un impacco caldo sul petto di “decotto di semi di lino” per lo scioglimento dei catarri ai bronchi, oppure  il classico “latte caldo con miele” (per gli adulti in aggiunta al latte, consiglio la grappa, ma non esagerate altrimenti vi ritroverete a dormire 2 giorni interi)  sempre molto in voga, oppure si possono respirare i vapori “dell’acqua calda e menta” con un asciugamano in testa.

Il passaggio delle malattie di stagione come sappiamo avviene  nei periodi più freddi dell’anno che vanno da novembre a febbraio,

e le file dei bambini negli ambulatori pediatrici si allungano a dismisura, diventando talvolta estenuanti e noiose. Da tenere ben  presente sono anche gli ambienti scolastici chiusi, come le classi, che rappresentano terreno fertile per lo sviluppo dei batteri cosicchè ogni bambino è più esposto all’influenza. Le malattie di stagione non risparmiano nessuno ne all’aperto, e neppure al chiuso. Quest’ultimo per molti può sembrare più sicuro perché si pensa sempre che stando al caldo e in ambienti confortevoli il rischio diminuisca,  ma in realtà i batteri ci sguazzano!

Le malattie di stagione (essendo professionalmente un cartoonist)  le immagino come dei personaggi scocciatori,

dall’aspetto poco invitante che non vedono l’ora di impadronirsi delle nostre mucose, delle vie respiratorie, delle gole e quant’altro si presta bene per crearsi  una “comoda base” per poter pianificare al meglio i loro diabolici piani di combattimento. Meno male che il corpo umano è una macchina naturale perfetta in gradi di difendersi e dare filo da torcere ai batteri. Le malattie di stagione ancora una volta verranno sconfitte, ma dobbiamo sempre tenere alta la guardia perché ogni anno vinciamo una battaglia  non la guerra. Quindi coraggio non arrendetevi mai!

Se questo articolo ti è piaciuto lasciami un tuo commento!

P.s. Se stai cercando PDF per i tuoi bambini da scaricare gratis ENTRA SUBITO QUI

Pubblicato in album-giochi, animali africani, animali della savana, disegni da colorare, disegni da stampare e colorare, dolci, fumetti, gioca e impara, giochi, mammiferi, mammiferi africani, tavole illustrate | Lascia un commento

Il difficile mestiere del disegnatore di fumetti

fumettiUna delle difficoltà che un disegnatore di fumetti professionista può incontrare nel proprio cammino è quella di apparire al lettore noioso e di non riuscire sempre a coinvolgerlo attraverso i disegni cercando di tenerlo incollato alla lettura. Saper raccontare i testi di una storia interpretando e imprimendo ai disegni la giusta atmosfera, dettata dalla situazione e dall’evolversi della scena che si sta per disegnare non è semplice.

Quando si illustrano pagine a fumetti è come ritrovarsi nello stesso momento a svolgere anche il lavoro del regista, dell’attore e del produttore, ed è molto più complesso, di quanto si possa pensare, rendere al contempo ognuno di questi passaggi, in maniera efficace e credibile, con una propria timbratura stilistica. Non sempre va a soddisfare i risultati che ci si aspettano.

Regista: la necessità più importante ( ma non l’unica ) in questo caso richiede di saper interpretare la storia passando da una vignetta all’altra ( come se ci fosse una telecamera a riprendere )  con una certa fluidità e scorrimento, evitando il ripetersi di inquadrature poco convincenti, con personaggi dal punto di vista della recitazione e delle gestualità non credibili, che non trova una propria identità, sminuendo e riducendo tutto alla superficialità di disegnare una storia che verrà facilmente dimenticata in poco tempo.

Attore: se un illustratore non riesce ad immedesimarsi e non entra nell’anima del racconto e dei protagonisti difficilmente potrà dare un impronta credibile, quindi di conseguenza i personaggi sono i primi a risentirne perchè stravolti e privi del giusto peso che li contraddistingue da tutto ciò che li circonda.

Produttore: per la riuscita e il successo di una storia a fumetti indirizzata a un qualsiasi tipo di target ( bambini, ragazzi, adulti ) non può non essere coinvolto anche il disegnatore di fumetti il quale ha la responsabilità di offrire un prodotto di alta qualità e solo successivamente viene ceduto all’editore che ne diventa il proprietario che dovrà ” impacchettarlo ” per la distribuzione. La creazione negli anni 80-90 di una rete mondiale di comunicazione chiamata ” internet ” ha infranto la barriera del passaggio obbligatorio dall’editore.

Oggi anche il disegnatore di fumetti, l’illustratore, il designer, il grafico, possono pubblicare autonomamente e in prima persona a costo zero ( o a costi molto ridotti )  prodotti di propria creazione destinati al web e messi a disposizione degli utenti di tutto il mondo.

 

Pubblicato in album-giochi, animali africani, animali della savana, disegni da colorare, disegni da stampare e colorare, dolci, fumetti, gioca e impara, giochi, mammiferi, mammiferi africani, tavole illustrate | Lascia un commento

Condividiamo i disegni dei bambini

alieniLa mia giornata lavorativa oggi è iniziata molto presto mentre i miei 2 bambini ancora dormivano profondamente. Fuori era brutto tempo il vento soffiava forte, gli alberi intorno sembravano volersi staccare dal terreno, e un gallo continuava a cantare come se all’orizzonte stesse spuntando il sole invece della pioggia.

Ma io imperterrito dopo una buona colazione mi sono recato nel mio studio (si trova a pian terreno della casa)  e come solitamente faccio, accendo il mio computer ed inizio contemporaneamente a sfogliare il lavoro del giorno prima per assicurarmi che sia tutto in ordine : attualmente sono impegnato nella produzione delle chine per la pubblicazione del mensile a fumetti Winx Club. Erano le 4:30 e mentre mi apprestavo ad inchiostrare i disegni a matita, mio figlio si è svegliato, e a passetto silenzioso è venuto da me con gli occhietti ancora semichiusi, sembrava uno zombie insonne.

Appena mi ha visto al tavolo da disegno , si è illuminato e ha deciso di mettersi addosso una maglia di lana e sedersi al suo tavolino vicino al mio per disegnare i suoi personaggi preferiti: mostri, vampiri, alieni, diavoli e molto altro. Lui è pieno di fantasia, ama disegnare, si diverte molto a colorare con pennarelli e pastelli, spesso mi chiede:” babbo perchè non mi apri una sezione sul blog tutta dedicata ai miei mostri?”

Ed io mi trovo un po in difficoltà nel dare una risposta, perchè il blog si pone degli obiettivi di carattere professionale, ma ho deciso lo stesso di accontentare la sua richiesta, inserendo in questo articolo un immagine di un mostro realizzato da lui. Che ne pensate vi piacerebbe condividerla? Se ci sono bambini desiderosi di creare immagini da inserire su uffolo, offro gratuitamente una sezione e uno spazio tutto per voi. Non dovrete far altro che inviarmi un email con la vostra illustrazione ed io vi risponderò tempestivamente inserendo i più interessanti.

In cambio  avrete la possibilità di condividere online con i vostri amici tutti i disegni che preferite e avrete visibilità. Che aspettate allora fatevi avanti e tirate fuori l’artista che è dentro di voi!!

Pubblicato in album-giochi, animali africani, animali della savana, disegni da colorare, disegni da stampare e colorare, dolci, fumetti, gioca e impara, giochi, mammiferi, mammiferi africani, tavole illustrate | Lascia un commento

Proposta di collaborazione alle Maestre

maestraDa tempo,  mi passano per la testa molte idee, tra cui quella di rendermi disponibile gratuitamente alle maestre di scuola dell’infanzia e primaria per offrire supporto  nella creazione di  immagini su loro testi/progetti, da inserire nel proprio programma scolastico   attraverso l’arte dell’illustrazione o del fumetto.

In questo modo avreste la possibilità di aggiungere ulteriore materiale al blog da scaricare e stampare,   tutte le volte che vorreste,  senza nessun costo,  preparando le pagine illustrate  ai vostri piccoli alunni.  Questo sistema a parer mio, permetterebbe un ampia  condivisione online  trasformandosi in un servizio di utilità per le scuole a 360 gradi.

Sarei felice di potermi mettere al vostro servizio, in cambio chiederei solo un po’ di collaborazione per passare parola per aiutarmi a far conoscere il blog, lasciando i vostri commenti e suggerimenti per migliorare la pagina.

Come sappiamo,  purtroppo  la scuola negli ultimi anni, a sùbito dei forti tagli, in molti casi i  genitori sono stati  costretti a contribuire nelle spese scolastiche,  per permettere ai bambini di utilizzare materiali necessari allo svolgimento delle lezioni, come ad esempio  fogli da disegno, pennarelli, carta igienica, stoviglie,  posate per mangiare ecc.. Quindi mi rendo conto in prima persona (avendo anch’io 2 bambini)  quali siano le reali difficoltà economiche,  con cui  gli istituti scolastici si devono confrontare ogni giorno.

So che difficilmente  altri  illustratori professionisti accetterebbero di impegnare il proprio tempo  a titolo gratuito.  Io invece mi propongo con estremo piacere,  per puro arricchimento sia a livello professionale che umano. Sapere che qualcuno desidera  propormi dei progetti e necessita di miei disegni,  per me è un immensa gioia.   Contattatemi!

Pubblicato in album-giochi, animali africani, animali della savana, disegni da colorare, disegni da stampare e colorare, dolci, fumetti, gioca e impara, giochi, mammiferi, mammiferi africani, tavole illustrate | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Disegni Halloween

zombieCari amici ecco i primi disegni di halloween da colorare : zucche, fantasmi, ragni, streghe, vampiri, zombie, da scaricare gratuitamente per dare libero sfogo alla fantasia dei bambini nella notte più terrificante dell’anno.

Nei prossimi giorni verranno pubblicati altri paurosi personaggi che potrete usare per decorare la vostra cameretta e terrorizzare tutti quelli che vi entreranno.

Buon divertimento!

Pubblicato in disegni da colorare, disegni da stampare e colorare, fumetti, tavole illustrate | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Una squisita merenda

La fortuna di poter vivere in un piccolo paese abbarbicato su una verde collina toscana, tra campi coltivati e vasti boschi, è anche quello di potersi permettere, in un inaspettata giornata ottobrina di sole, di prendersi una pausa dal disegno e concedersi una passeggiata, tanto rilassante quanto ispirante per il mio lavoro, con i bambini per un sentiero di campagna.

Arrivati all’altezza di un vecchio rudere di un antica casa colonica, ormai sommersa di rovi ed edere, vagabondando per quella che doveva esserne l’aia abbiamo scoperto due stupendi alberi da frutto incolti che in questo periodo offrono i loro doni squisiti: un nocciolo e un fico.

Cosi abbiamo improvvisato una raccolta che nel pomeriggio di oggi si è trasformata ( come potete vedere dalle foto) in una squisita merenda; abbiamo preparato una bella marmellata di fichi e un croccante di frutta secca di cui vogliamo condividere la ricetta di mia suocera.

marmellata di fichiMarmellata di fichi

ingredienti: 500 g di fichi, 500 g di zucchero semolato, 2 cucchiai di miele, 1 limone, 1 dl acqua

procedimento: sbucciate i fichi e tagliateli a fettine; mettetele in una casseruola di acciaio a fondo spesso, unite l’acqua ponete sul fuoco basso e portate a bollore; lasciate cuocere la frutta per 40 minuti mescolando spesso con un cucchiaio di legno per evitare che si attacchi sul fondo; unite il miele, lo zucchero e il succo di limone filtrato; fate cuocere per un altra mezz’ora mescolando spesso; controllate la cottura ponendo un cucchiaino di confettura su un piattino: se inclinandolo questa non scorre vuol dire che è pronta altrimenti continuate a cuocerla.

croccanteCroccante di frutta secca

ingredienti: nocciole, arachidi, mandorle, noci, pinoli, zucchero semolato

procedimento: sgusciate la frutta secca e mettetela a tostare nel forno bassissimo per qualche minuto in maniera che questa risulti asciutta ma non troppo essiccata e dura; stendetela su un vassoio da forno usa e getta in alluminio tenuto precedentemente qualche minuto in frigo.

Mettete lo zucchero semolato in una pentola con il fondo antiaderente e ponetelo sul fuoco medio, girandolo con un mestolo di legno; raggiunto una certa temperatura lo zucchero comincerà a fondere, sciogliendosi diventerà liquido e brunito; versate il caramello cosi ottenuto sulla frutta secca stendendolo in maniera uniforme, lasciate raffreddare.

Adesso devo lasciarvi cari amici, sono in lavorazione i nuovi disegni da colorare che potrete scaricare gratuitamente e che a giorni verranno pubblicati, il tema? Halloween naturalmente.

A presto e buona merenda!

PS: Vi ricordo che  sono graditi commenti, suggerimenti ed osservazioni, in modo da poter migliorare il nostro lavoro e far crescere la pagina in base alle esigenze dei vostri bambini.

Pubblicato in album-giochi, disegni da colorare, disegni da stampare e colorare, dolci, fumetti, gioca e impara, giochi, tavole illustrate | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Nuova sezione i dolci

le-torte-della-nonna-Cari amici, come combattere la noia di un weekend piovoso? I freddi sabato pomeriggio (che ormai si avvicinano a grandi passi) la nostra famiglia è solita passarli impastando e infornando dolci le cui ricette vengono tramandate dalle nonne alle mamme ai bambini.

Niente di complicato ed eccessivamente ricercato ma solo i buoni dolcetti della tradizione : crostate, biscotti, torte al cioccolato, alle mele… Abbiamo pensato quindi di aprire una sezione dedicata proprio alla condivisione di queste ricette.

Vuole essere un modo buono e divertente per passare qualche ora con i vostri figli, tra un disegno da colorare e l’altro, per preparare una cosina semplice ma golosa da gustarsi tutti insieme. Allora, un grembiule a testa e cominciamo!

Pubblicato in dolci | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

PDF gratuiti

copertina-topinoCari amici, sono felice di informarvi che a breve sul blog di uffolo verrà creata una sezione  interamente dedicata a nuovi fantastici PDF di album giochi, libri , libretti, raccolte di disegni da colorare e stampare , libri a carattere didattico, fumetti, e nuovi progetti studiati appositamente per i bambini della scuola dell’infanzia e primaria.

Stiamo lavorando per offrire un servizio che mi auguro sia di grande utilità, potrete scaricare tutto gratuitamente e tutte le volte che vorrete senza nessun costo. Per qualsiasi tipo di problema non esitate a contattarmi, sarò felice di rispondere tempestivamente a tutti voi, cercando di soddisfare le vostre esigenze.

Per contribuire e far crescere questo blog, è di vitale importanza ricevere vostri pareri, suggerimenti, commenti sui prodotti e sulla facilità di uso al fine di poter migliorare il servizio e renderlo più efficiente.  Alessandro Battan

Pubblicato in album-giochi, disegni da stampare e colorare, fumetti, gioca e impara, giochi, tavole illustrate | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

Intervista ad Alessandro Battan disegnatore di fumetti

Intervista a cura di Gabriele Favrin (il gomitolo.net)

Ciao Alessandro!
Normalmente cominciamo con le domande serie ma quando i nostri lettori
hanno saputo cosa fai sono esplosi quindi ti giriamo la loro domanda
piu’ pressante: “davvero disegni le Winx?!?!?! Racconta!”

Collaboro da molti anni con il mensile a fumetti “Winx Club Magazine” per la realizzazione delle chine.
Questa fu l’offerta di lavoro che mi venne proposta nel 2005 quando ancora il magazine era agli albori e cominciava un grande successo di vendite nel mondo.Per chi non lo sapesse il lavoro delle chine consiste nel ripassare con inchiostro di china “nero” (usando pennellini o pennarelli a seconda delle esigenze) i disegni a matita di una tavola a fumettiottenendone una maggior profondità, creando un impatto visivo più forte.La tavola cosi è pronta alla fase successiva della “coloritura”, che spesso per motivi di tempo si effettua in digitale (con il computer, NdR)
OK, torniamo a fare gli intervistatori seri. Ci parli un po’ di te? Cosa fai? Come sei diventato fumettista?

Sin dall’età di 12 anni le mie più grandi passioni erano il calcio e il disegno.
Sognavo di fare il calciatore come la maggior parte dei ragazzi e il mio ruolo era quello di centravanti o punta.
Promettevo molto bene e le capacità non mancavano, ma all’epoca avevo solo 16 anni e le mie idee erano molto confuse su cosa avrei voluto fare realmente da “grande”.

Nello stesso periodo continuavo (nei ritagli di tempo) a disegnare quasi tutti i giorni…
Quando potevo mi sedevo sul mio tavolo di camera a scarabocchiare divertenti bozze ispirate a episodi accaduti in famiglia. Spesso il protagonista più simpatico da cui prendevo spunto era mio padre, a tavola era un buongustaio e aveva un aspetto fisico non indifferente con un bel pancione tondo che si prestava perfettamente nell’elaborazione di un fumetto o di un cartoon.

Così alla fine la mia scelta e la mia voglia di creatività mi spinsero a coltivare seriamente il mio obiettivo primario di diventare un disegnatore senza però smettere mai di continuare a giocare a calcio che con grande disappunto del mio conto in banca rimase la mia grande passione.

Da quel momento iniziai una lunga gavetta.
La mia scuola di formazione principale è stata la Disney. Fui molto fortunato perché vivevo in una città come Venezia considerata una delle “capitali mondiali” del settore, per i grandi autori sfornati e usciti dalla scuola veneta.
I miei primi approcci furono con alcuni autori storici della Disney che inizialmente senza saperlo per ironia della sorte abitavano perfino a due passi da casa mia.

Ancora non conoscevo bene il fumetto disneyano, non ero stato istruito da qualcuno verso il professionismo e questa fu la mia prima vera possibilità di dimostrare sul campo le mie capacità e il mio talento.

Dopo pochi mesi di prova venni preso a lavorare in uno studio dove iniziai a collaborare per diversi anni fino a che un bel giorno mi contattò il direttore dell’accademia Disney per invitarmi (dopo aver visto miei lavori) alla frequentazione di un corso di specializzazione per permettermi di raggiungere un livello di preparazione più alto rispetto a quello che avevo.
Gradualmente e contemporaneamante mi arrivarono anche le mie prime storie a fumetti da disegnare .

La mia prima storia a fumetti disegnata fu per il giornalino di Prezzemolo (la mascotte di Gardaland) dal titolo “Mously nello Spazio” e successivamente a questa ne disegnai altre.
Un po per volta presi la decisione di proseguire per conto mio staccandomi dagli altri colleghi dello studio.

Dal debutto della prima storia a fumetti ad oggi sono passati 12 anni.
Le mie esperienze acquisite in tutti questi anni sono state molto varie ho lavorato per grandi e piccoli editori disegnando un po di tutto dai libri illustrati per bambini, agli album con giochi, ai fumetti, alle immagini web, con piccole esperienze anche nei cartoni animati.
Oggi pur essendo cambiato molto professionalmente e come persona, l’amore per il disegno e il mondo della fantasia continuano ad essere la mia linfa vitale.

Come nasce una storia a fumetti?
Una storia a fumettiinnanzitutto nasce dalla voglia di raccontare!Non esiste una regola ben precisa perché ognuno di noi in questo senso ha degli approcci mentali differenti per esperienze e bagaglio personali, che spesso si riflettono e vanno a condizionare la creazione di un fumetto.Se invece è un fumetto inventato da altri e non da noi con personaggi che non ci appartengono, in questo caso la lavorazione impone determinate regole che vanno rispettate per non cambiare o sminuire le caratteristiche dei personaggida trattare e il mondo che li circonda.Quindi la prima cosa da fare è conoscere bene tutto ciò che li riguarda e costruire il soggetto.Cioè “l’idea” della storia e i possibili sviluppi per realizzarne una sceneggiatura, compito che solitamente spetta allo sceneggiatore (lo scrittore dei testi).Disegnare un fumetto è molto difficile non ci si può improvvisare artisti o scrittori ma occorre avere alle spalle molta esperienza e capacità di raccontare.
Tutti elementi che si acquisiscono anche dopo diversi anni prima di arrivare ad un buon livello professionale.Ci tengo a precisare che in questo mestiere non c’è mai un limite per l’apprendimento, bisogna sempre essere alla ricerca di nuovi stimoli e di nuovi aggiornamenti perché col passare del tempo il mondo in cui viviamo cambia e quindi di conseguenza anche le mode cambiano, i gusti della gente, le esigenze, tutto ciò che ci ruota intorno.
La realizzazione di un fumetto necessita quindi di tenersi al passo con i tempi!
Quanto impieghi per fare un fumetto?
Le tempistiche di realizzazione di un fumetto dipendono sempre dal numero di tavole commissionate che lo compongono, dalla complessità, e dalle esigenze dell’editore che impone per necessità di pubblicazione una data di scadenza che può andare dai 30 ai 90 giorni per racconti di media lunghezza.
Non è noioso dopo un po’ disegnare in continuazione le stesse cose?
Il fumettocome nella cinematografia non è mai la stessa cosa perché ogni storia va interpretata in maniera diversa.Le uniche cose che restano più o meno uguali sono i personaggi protagonisti e il mondo in cui si muovono per ovvie ragioni. Personalmente sono del parere che se ciò che stai facendo ti diverte e lo fai con grande passione non è mai noioso.
Quali sono i fumetti che hai creato a cui sei più affezionato?
Ad essere sincero di progetti a fumetti nel cassetto ne avevo diversi, ho cominciato a svilupparne uno soltanto realizzando e ideando una prima storia a fumettipensata per un pubblico di bambini…Visto il poco tempo che ho avuto a disposizione da dedicargli e per cause di forza maggiore il progetto non è ancora stato ben delineato.Mancano molte cose e una caratterizzazione stilistica credibile che richiede ancora molto studio.
Usi dei programmi o fai tutto a mano?
Personalmente pur utilizzando programmi professionali di grafica come Photoshop o Illustrator non ho ancora tutta questa grande dimestichezza e conoscenza, ma nel mio lavoro sono ormai necessari e non puoi farne a meno.Il primo punto di partenza (per il mio modo di lavorare) è sempre il disegno a mano su carta, il computer mi serve successivamente per fare la scansione e portare il disegno ad una qualità grafica più elevata cercando di valorizzarlo al meglio assecondando le richieste dell’editore che alla fine è colui che decide sempre se può andar bene oppure no.
Come si diventa fumettisti? E’ un lavoro che consiglieresti?
Fare fumetti non è un gioco ma un lavoro impegnativo che richiede determinazione, talento ma anche fantasia.Se madre natura non ti ha conferito delle capacità necessarie e non hai attitudine al disegno difficilmente potrai farti strada basandoti solo sulla buona volontà.Diventare fumettisti non è cosa facile se hai dei limiti artistici o non riesci a trovare la strada giusta.Per maturare come disegnatorenon avrai vita facile perché siamo davvero tanti e i pochi fortunati che si riescono a contraddistinguere in questo lavoro li conti sulle dita di una mano.Oltre al talento In questo lavoro ci vogliono fortuna, stimoli, passione, dedizione, sacrificio, creatività, fantasia, e capacità di sapersi muovere.E’ importante conoscere le esigenze di mercato se vuoi farti strada, non date sempre ascolto a tutto quanto vi dicono gli altri ma cercate di seguire soprattutto quello che sentite dentro di voi.. se poi troverete il successo o meno non scoraggiatevi, perché la vita è fatta di momenti alti e bassi, bisogna sempre rialzarsi ed essere costanti e determinati.Questo lavoro potrei consigliarlo ad un ragazzo che abbia i requisiti giusti e che abbia voglia di mettersi in gioco se veramente intenzionato ad intraprendere e coltivare una strada tortuosa e piena di difficoltà.Devo anche ribadire il fatto che in Italia purtroppo il fumetto(a parte i soliti grandi colossi come per esempio Bonelli / Disney che però non vivono una situazione rosea dato la crisi di vendite che a colpito anche loro) c’è ben poco o quasi su cui fare affidamento.L’ideale per un giovane è quello di imparare le basi frequentando una scuolache possa aiutarlo a formarsi bene e poi cercare contatti tramite le fiere del settore o andare con il proprio book a bussare porte in altri paesi.Non posso nascondere che in Italia la situazione del fumetto è a dir poco disastrosa: purtroppo non si vende più come un tempo.
Io stesso, per questo motivo mi sono spostato più verso il mondo dell’illustrazione cercando altre alternative e soluzioni differenti.
I fumetti che sopravvivono oggi sono ormai quelli ben consolidati da anni.
C’è un fumetti cui sei più affezionato?
Ad essere sincero non cè un lavoro a cui sono più affezionato rispetto ad un altro.
Penso solo a svolgere al meglio la mia attività.
Sogni futuri?
Sicuramente la mia più grande aspirazione sarebbe quella di creare un prodotto nuovo un qualcosa che possa piacere ai ragazzi e forse il progetto a fumetti di cui parlavo precedentemente che vorrei tanto coltivare ed evolvere nel tempo sarebbe per me una grande soddisfazione.Vedremo cosa mi riserverà il futuro!

Alessandro Battan

 

Pubblicato in album-giochi, animali africani, animali della savana, disegni da colorare, disegni da stampare e colorare, fumetti, gioca e impara, giochi, mammiferi, mammiferi africani, tavole illustrate | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento